Il 12

Il tempo è un vagabondo

che ritorna zoppo e ingordo

passato che sia passato

lasciamolo ai morti sepolti molli

È spassato il passato balordo che elemosini alle porte della vita

questa è viva

tu sei sviva

ma è una diva!

Mi fugge slitta

fugge in cancrena di un passato mai celato

ma male il dietro

allora spingi questo masso

e fallo rotolare giù nella rupe

Tiro un cazzotto a questo vagabondo

che il 12 è solo appeso da una corda

la taglio te la taglio me la taglio

sai che incaglio

sguardo dritto

questo è il presente

ascolta il cuore

amami con furore

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: