Archivi tag: angelo

Il piacere! | IL TACCUINO NERO

Il piacere!

Il piacere di dare piacere

piacere al mondo

Piacere io sono il piacere

ti si presenta il piacere

ammiri il piacere

e piacere sia

questo è un piacere

si ama il piacere

il piacere della vita di essere vivo

Sono vivo che piacere

santo piacere

questo è un piacere

gusto del piacere

che piace, ma per piacere

me ne dia un po’ di piacere

Salto con piacere

come bimbo gioco di piacere

osservo galli ricoperti di piacere

il piacere dell’alba terrestre

come il sole è il piacere di riscaldare e rinfrescare

come piacere diurno notturno

cuscino dammi il piacere di dormire

mi faccia il piacere

questo è il piacere iracondo

giusto e tondo di piacere

rincorre specchi di piacere

il piacere di essere vivo.

Aaah che piacere

sorrido al mondo di piacere

 

Scarica l’eBook de Il taccuino nero

Ordina il libro cartaceo scrivendo a lacantina.casv@gmail.com

Annunci

Lo sfondo | IL TACCUINO NERO

Bruciare tutto!

Via di dietro

Dacci dentro!

Segnale

Tre!

Spara briga compra paga

brucia canto levare sarcasmo

monte si raccoglie

Si camminava a testa alta

denti stretti

martello in terra

grida furenti

pasto da ghetti

solo dritto

come freccia

lanciata in orbita

nel suo respiro

caldo e fino

trafiggi queste fiamme

osservatorio d’altro mondo

incontri osceni

vita di ieri

danza cosmica

danza spazio

senza tempo

solo Orazio

è un dazio!

Saturno piccolo pianeta

dentro l’uomo

sai che pietra!

Passo a destra

o passo dritto

esco dalla finestra

vedo l’appassito.

Ti ringrazio mondo

per questo magnifico sfondo

 

Scarica l’eBook de Il taccuino nero

Ordina il libro cartaceo scrivendo a lacantina.casv@gmail.com


Tempesta | Il taccuino nero

Tempesta!

corri ai ripari

chiusi gli occhi

apri fiori

Tempesta!

birra lenta

giù funesta

c’è fretta c’è fretta

vento lampi tuoni vasi

Tempesta!

il tuo sorriso

come il sole nella notte

illumini l’intorno

vedo cielo stelle è giorno!

Tempesta!

stio finestra vedo corse

gente bagnata

gente fortunata

Tempesta!

Ti penso come fossimo insieme

tu tra di noi

io in mezzo a noi

Tempesta

come il nostro amore ammalato

ancora lontano

riconduco distanze

scrivo canto per te

Tempesta

dolce lunaaa

nella foresta

emanazione di energie

calore umano

strane sciee

Tempesta

vieni ancora

ancora vicino

ti reclamo

tendo la mano

e grazie a te, lei c’è

 

Scarica l’eBook de Il taccuino nero

Ordina il libro cartaceo scrivendo a lacantina.casv@gmail.com


Era il tempo

Era il tempo

gocce trafitte terreno radici erba

la crescita costanza

È una lenta velocità

ti accorgi della sera

ma non del taglio

Quanto tempo caro tempio

che dolore al piede!

Io esorcizzo

soffro urlo stringo denti ma sono Io

non più quell’Io

che tanto hai amato

siamo unici, uniti

in questa realtà

sai che dolori

ma solo dalle ferite crescono i fiori

Non-Io

una volta trovati mi raccontavi della vita

del rosso del fuoco

e di una gita

trasformerai l’angelo in realtà

mantenendo l’uniforme

a braccetto

senza tempo

lavorerai tra foreste

di ricordi

tu sia lodato

Piccole sfere pervadono corpo

arricchisco il tempo

si colgono si colgono

abbiamo tre occhi

tre come 3

l’infinito noi e il tè

Questo è un gioco

caro angelo ricorda

come forza interiore comanda l’esteriore

Dio come Uomo

sento il battito della giornata

colorata dal tramonto

è un levare senza fondo

tutto nero sulla nave

si percorre balneare

si purifica lo sfondo

mi trasformo in cigno e sblocco

fantasia, tu sia mia

realtà mia, tu sia poesia

Essìa


Positività

Positività

giustizia

armonia

equilibrio fratellanza contributo che sia grazia

Gira questa terra

come il tempo dei mattoni a punta

li osservavo e li capivo

me ne assumo le colpe

Che grida questo cuore

è un cuore tenero è un cuore duro

gioca spesso

rispecchia l’ego

Caro Io

tu mi sei lodato

si cambia prima 2 poi 3

nel frattempo l’Infinito

Sei tu Dio

forza di volontà

che sgambetti dentro me

risvegliami da questo sonno

ho voglia e non mi sporco

è traviata la realtà

Quali schemi nell’Amore

mai esistiti

oltre al Fiore


Masculinità

Masculinità

vieni qua

scappi là

allora ti prendo ti stringo ti rompo ti spezzo ti mordo e rifletto

ti assorbo

Vieni qua

rosso là

ti prendo e ti sbatto

calugna che non sei altro

mica scapparmi

come toro taurino trafigge il torero

Sono toro sono il Toro

e te lo mostro

Fanculo sono puro

lancio l’arco

e la freccia me la tengo stretta stretta

Sono cieco ma ci vedo

Forza taurina

ti pitturo dentro e fuori

rosso fuoco

sento l’osso

che si spezza

ira pura

maschio duro


Ego

Aaaaah!

eh eh eh eh

ah ah ah ah

Eeeeeh!

Maraviglia

meraviglia

Dio sa che figlia

questo questo è questo

sento il santo

cammina in coda

è la coda

che coda

intagliata

Ti ringrazio implodo esplodo emetto erutto sfere accogliete questo corpo incorpo fame corpo corpo

sale senti?

Mademoiselle sento te vedo le

ali olé

Creazione

santificazione

azione

Ah!

7 Sbam!

Congedo ego ego ego

fronte a fronte

mi sono mangiato

ho risorto il dito

radici del passato

Radici ici ici

crescono sì crescono

conficcate con la coda

questo è il Jazz

senti è in te

me

te

Flash


Stacco distacco stanco non lascio

Stacco distacco stanco non lascio

È forte ma storte sono rotte le sporte

fortuna ruota 10 e paura azione 7 stelle 17 ispirazione

Aspira archetipi volta pagina mi mangi salmone è nuova canto del santo oggi è fango

Ma dove sei che ne sei

ti sei perso persa persa perso alla ricerca del te stesso

dentro te dentro me guardi me non cerchi te

Pazienza ha limiti

li infrango e paziento

mangio bevo

sono teso

mi stiro e stendo buttando incenso dalle orecchie

sconfiggo il cattivo

e bevo vino

sangue santo

dei nostri aliti viziosi

sputano forza leone sradichi denti come fiori

Arrivo son tornato

di nuovo all’attacco

ancora un poco

rianimo il fuoco


Premi spremi premi spremi

Premi spremi premi spremi

premi spremi premi spremi

Io non-Io solo Io sono Io

non sono Io è il non-Io

sento Io se tu Dio

Il tempo trafigge

come vento sorvola

tu sei vento

ricordi quando dovevo esserlo

già due mesi

già una vita

tutto da ieri

arca di Noè

si salvi chi può

in questo bagno di spensieri

è un universo caldo

riscaldato dal fuego

magma a contatto con la terra

terrestre superficie

diventa nero

sono nero

mangio fieno

ne sono fiero

che passione quando ti guardo

sento stelle esplodere nel cielo

che corpo in esposizione

tu sei diva

dentro me

sorreggi il tempio

tutto È


Confusione

Confusione

derivato di infinito

caos nel caos

C’è sempre un ordine nel caos

novità

vasi sanguigni pavoneggiano

novità

paura assale paura di volare

il lancio consueto

è buffo il dado tratto

ricezione caos

colore odore

pathos

capelli aria

foto 8+2

10

gira la ruota

17

come stelle

come caos cosmo universo corpo

oroscopo beato

destino fatato

è un fato

la Luna come cerchio

si allarga e si restringe

come tondo

leggo il fondo

è tutto il mondo

giocondo

iracondo

caos balordo

caos Dio(sa) è da fiordo